Cerca
  • Francesca Bruni

I messaggi effimeri ai tempi di Versailles


Qualche giorno fa scaricando l'ennesimo aggiornamento di Whatsapp, mi sono imbattuta in questa nuova stregoneria: i messaggi "effimeri".


Ho pensato: "Beh, che nome straordinario hanno scelto per questa nuova impostazione: effimero..."


Ovviamente la mia mente monotematica ha pensato subito ad un recente libro, davvero interessante, che avevo letto sulle famose lettere in codice utilizzate tra Fersen e Maria Antonietta e non solo.

Il libro in questione si intitola "I love you madly" ed è scritto da Evelyn Farr, la quale dopo anni ed anni di ricerche è riuscita a rimettere insieme tutti gli scambi di lettere e messaggi tra la regina e il suo svedese preferito.

La cosa più straordinaria è la complessità di questi codici. Codici degni della mente matematica di Alan Turing. Pensate al tempo che si impiegava a scrivere e soprattuto a decodificare ogni lettera. Insomma, davvero una prova d'amore.


Da queste lettere, tra l'altro, è venuta alla luce la verità sul famoso anello con sigillo riportante la scritta "Tutto a te mi guida". Ne ho parlato precedentemente in un altro post...Se siete curiosi andate a vedere, non ve ne pentirete. O forse sì?

Ad ogni modo ora Whatsapp lancia la moda dei messaggi effimeri. Possiamo mandare lettere d'amore o piani di guerra senza doverci scervellare dietro a codici e altri schemi.


Immaginiamo i due celebri amanti alle prese con cotale tecnologia:

Maria Antonietta, hai 1 nuovo messaggio effimero da Ikea1755 (nickname di Fersen se non fosse chiaro):

Siamo stati insieme poche ore e distanti per lunghi anni, ma il ricordo di voi è sempre stato e sempre sarà in grado di anteporsi a qualsiasi donna vivente.


E poi PUF, sparito per sempre nel dimenticatoio, com'è giusto che sia per i messaggi effimeri...


Hans Axel, hai 1 nuovo messaggio effimero da Sacher1755 (vabbè, avete capito):

Tutto a te mi guida...


E poi PUF, di nuovo, tutto sparito...

Niente libri, niente studi, niente ricerche. Cosa vuoi ricercare se non è stato scritto niente?


E quindi, amanti e corteggiatori del ventunesimo secolo sappiate che qualsiasi messaggio d'amore voi stiate partorendo non è altro che un messaggio effimero. Perciò fate come i nostri protagonisti: procuratevi carta e penna e fate uno sforzo, una volta tanto.

Non c'è niente di più bello di una parola scritta con il cuore su un pezzo di carta.


Oh, però per lo spettacolo potete prenotare online!



28 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Ho cominciato a studiare recitazione quando ero molto giovane e non sono mai stata una ragazzina estroversa e sicura di sé. Ho sempre dubitato delle mie capacità e ho sempre fatto fatica ad accettare

“Questo 16 Ottobre alle 4 del mattino è a voi sorella mia che scrivo per l’ultima volta…” Iniziava così l’ultima lettera di Maria Antonietta. Alle 4 del mattino, impossibile dormire…prese carta e cala

6 Ottobre 1789: In questa giornata Maria Antonietta lasciava per sempre la sua amata Versailles per non farvi mai più ritorno. Veniva portata insieme alla famiglia reale al Palazzo delle Tuileries, un