Cerca
  • Francesca Bruni

Bentornata a corte

È passato poco meno di un anno da quell'ultimo inchino al Teatro Garbatella eppure quell'emozione, quelle sensazioni provate sembrano non essersene mai andate.

Ho ripreso in mano quell'anello con le iniziali che avevo custodito con la speranza di poterlo indossare di nuovo e ho dato inizio a questa nuova avventura. Una nuova edizione, tutta da scoprire.

L'anno scorso avevo voluto rendere omaggio a quella bambina di tanti anni fa cercando di portare in scena l'opera che da sempre avevo immaginato. Mi piace pensare che questa volta invece, questa nuova edizione di "Maria Antonietta" sia la versione di una donna. I personaggi sono stati approfonditi e rivisti con una maturità diversa e una consapevolezza più profonda. Ho cercato di mostrare la passione che spingeva questa donna, più del semplice romanticismo da favola. Ho cercato di rendere più vere le emozioni, ancora più dolorose le reazioni. Ho ricercato ancora le parole, i colori, i suoni e adesso sono contenta di poter dire che questa nuova "Maria Antonietta" non può che essere ancora più forte.

Perché la vita è così: di solito non ti da una seconda opportunità. Allora noi ce la siamo andati a prendere. E spero che anche voi vorrete darle una nuova opportunità. Vi aspetto per sognare ed emozionarvi insieme a noi ancora una volta dal 5 al 9 Ottobre al Teatro 7 Off (Via Monte Senario 81A).


Le nostre anime si toccano in ogni punto. Il destino può separarci, ma mai dividerci. Tutto a te mi guida.

6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Ho cominciato a studiare recitazione quando ero molto giovane e non sono mai stata una ragazzina estroversa e sicura di sé. Ho sempre dubitato delle mie capacità e ho sempre fatto fatica ad accettare

“Questo 16 Ottobre alle 4 del mattino è a voi sorella mia che scrivo per l’ultima volta…” Iniziava così l’ultima lettera di Maria Antonietta. Alle 4 del mattino, impossibile dormire…prese carta e cala

6 Ottobre 1789: In questa giornata Maria Antonietta lasciava per sempre la sua amata Versailles per non farvi mai più ritorno. Veniva portata insieme alla famiglia reale al Palazzo delle Tuileries, un