Cerca
  • Francesca Bruni

Con la musica nel cuore ❤️

Aggiornamento: 5 ott 2021

Chi mi conosce sa che amo scrivere ispirandomi ad una musica. È forse per questo che per la maggior parte dei miei spettacoli ho scelto di non avere delle musiche originali. Perché è proprio quella musica che appartiene al testo e viceversa, come in un legame indissolubile.


Quando mi recai a Versailles la prima volta avevo più o meno l’età di Maria Antonietta all’epoca del suo arrivo a corte. Incuriosita da questa donna così forte e fragile allo stesso tempo, cominciai a documentarmi in tutti i modi. Per questo motivo decisi di acquistare, proprio nel negozio di souvenir del castello, un cd che includeva solo 6 tracce, indicate come le pièce musicali preferite dalla regina. Incuriosita cominciai ad ascoltarle. In effetti erano tutte molto belle, ma una in particolare mi colpì: l’ultima traccia, ovvero una canzone tratta dall’opera di Gluck “Orfeo e Euridice”.

In un attimo visualizzai perfettamente uno dei momenti più importanti dello spettacolo e decisi di partire proprio da lì.

Negli anni, maturando come donna e come attrice, mi resi conto del perché Maria Antonietta avesse a cuore proprio quell’opera. Mi piace pensare che anche lei come me trovasse in quell’opera delle forti similitudini con la sua tragica storia d’amore con il Conte di Fersen, un uomo che davvero fece di tutto per sostenerla e per salvarla, al punto che sarebbe sceso nell’ade a riprendersela se solo avesse potuto.


Ogni volta che ascolto questa musica trovo il coraggio di andare avanti e affrontare questo progetto immenso al quale ho dedicato gran parte della mia vita e soprattutto ritrovo quel rispetto e quella forza che spero di riuscire a trasmettere nei confronti di questo amore così importante e di questa donna.


Per il verdetto, ci toccherà attendere novembre. Nel frattempo vi lascio con la meravigliosa interpretazione di Marianne Crebassa. ❤️

https://youtu.be/jyKOPXBw1No

25 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Ho cominciato a studiare recitazione quando ero molto giovane e non sono mai stata una ragazzina estroversa e sicura di sé. Ho sempre dubitato delle mie capacità e ho sempre fatto fatica ad accettare

“Questo 16 Ottobre alle 4 del mattino è a voi sorella mia che scrivo per l’ultima volta…” Iniziava così l’ultima lettera di Maria Antonietta. Alle 4 del mattino, impossibile dormire…prese carta e cala

6 Ottobre 1789: In questa giornata Maria Antonietta lasciava per sempre la sua amata Versailles per non farvi mai più ritorno. Veniva portata insieme alla famiglia reale al Palazzo delle Tuileries, un